Follow

Su brilliant.org c'è un corso introduttivo al pensiero scientifico. In questo quiz (allegato) bisogna stabilire quando conviene aggiungere il latte al the per bere il the più caldo possibile.

Un quiz come questo è emblematico del riduzionismo implicito nel pensiero calcolante. Bere il the non viene visto come un rituale (con una valenza simbolica e sociale), ma come un processo orientato all'efficienza (per evitare quanto possibile la dispersione del calore).

@pinkdreud nel corso citato si intende il modo in cui uno studioso delle cosidette scienze dure si approccia ai problemi del mondo per inquadrarli in un frame concettuale e tentare di risolverli.

Ma è una definizione limitata e parziale. Esistono anche le scienze umane, ci sono tante correnti di pensiero...

@lamacchinadesiderante
mi sembra una definizione piuttosto circolare e non soddisfacente, in effetti. Ci si potrebbe tirar fuori un intero discorso (e numerosi libri). Grazie :)

Tornando al punto del post: perché dovrebbe essere disturbante questo riduzionismo? Se ribaltassimo la situazione e pensassimo solo alla concezione rituale resterebbe altrettanto disturbante?

@pinkdreud Non si tratta tanto di ribaltare (ogni ribaltamento è un rimanere-dentro al discorso che si sta ribaltando), ma di vedere le cose inserite in un contesto.

Prendere un the (da sol* o con altr*) non è l'equivalente di mettere la benzina dentro ad una macchina, perchè a differenza della macchina, chi prende il the associa al the un progetto/paesaggio/concatenamento (fatto di corpi ed enunciati) che non è comprensibile limitando la visione alle temperature dei liquidi.

@pinkdreud insomma, in una situazione di vita reale in cui si prende il the (intervallo, riunione, ritrovo) a nessuno interessa calcolare il tempo e la temperatura ottimi, perchè il the fa parte in un insieme e ci serve per altro (socializzare, rilassarsi, ecc...).

È questo il problema del riduzionismo: cancellare le sfumature, i desideri, le situazioni...

@pinkdreud il ribaltamento della prospettiva (vedere solo l'aspetto rituale) sarebbe sempre limitante, perchè il fatto che il the sia caldo è esso stesso parte del rituale... Col the freddo o tiepido non funzionerebbe. La temperatura calda è parte integrante del rituale, ma non è il rituale tout court. Il rituale è l'insieme.

@lamacchinadesiderante tra l'altro nel caso di rituali consolidati, il rituale in sé già tiene conto della temperatura.

Se ridurre ha dei problemi, è anche un ottimo modo per analizzare alcuni problemi.
Non si può essere completamente avulsi dal contesto, ma nemmeno far sì che permei ovunque. È una questione di equilibri (come un po' tutto, ed è un po' una frase del cazzo la mia, ne sono cosciente)

Sign in to participate in the conversation
Livello Segreto

Livello Segreto è il social etico che ha rispetto di te e del tuo tempo.